Sfatiamo Il Mito Dell’Acqua Nei Polmoni

vaping zoom, corrado firera, bmor, ecig, vapear, agua en los pulmones vapeando

Bentrovati su Vaping Zoom, sono in molti a credere che svapare porta ad un accumulo di acqua nei polmoni, ma è veramente così?

Innanzitutto cerchiamo di vedere di cosa è fatto il liquido presente all’interno delle ecig che per chi non lo sapesse ancora è composto per il 50% da glicole propilenico, ovvero il classico fumo innocuo per la salute che si usa nei palchi ai festival, e per il 40% da glicerolo vegetale una sostenza anch’essa innocua per la salute, 10% d’acqua, e per finire dall’aroma in minima parte di cui comunque ancora non è stata accertata l’effettiva innocuità.

Infatti ogni liquido presente all’interno delle sigarette elettroniche ha un aroma differente, vi basti pensare che solo negli Stati Uniti ve ne sono in commercio almeno 7000, dunque diventa difficile rilevarne l’effettiva tossicità.

Il liquido in minima parte può essere composto anche della nicotina con effetti collaterali connessi, diabete, ipertensione eccetera.

Da come abbiamo visto la percentuale di acqua presente nei liquidi è bassissima e serve per permettere la vaporizzazione del liquido, una tecnica utilizzata anche in medicina per portare farmaci nei polmoni in soggetti affetti da patologie polmonari.

Quindi rimane acqua nei polmoni svapando?

La risposta è assolutamente no, si tratta di una propaganda lanciata dai marchi delle sigarette tradizionali per intaccare il crescente seguito delle nuove ecig.

Infatti la quantità di acqua che permane nei polmoni attraverso l’inalazione del liquido di una ecig è così irrisoria da permettere ai polmoni di poterla smaltire in pochissimo tempo.

Vi basti pensare che anche quando stiamo facendo una doccia in realtà stiamo respirando del vapore e pare non sia mai morto nessuno per questo.

Inoltre bisogna considerare tra l’altro che l’uomo è costituito dal 60% d’acqua, stiamo quindi parlando di diversi litri d’acqua, mentre la quantità di acqua inalata nei polmoni attraverso la vaporizzazione del liquido è pari a pochissimi millilitri considerando anche che con una fialetta si svapa una settimana, dunque perfettamente gestibili dai nostri polmoni senza nessun problema.

Più che di questa leggenda sull’acqua nei polmoni fa male dovremmo preoccuparci degli aromi presenti all’interno dei liquidi di cui ancora non si conosce la tossicità, parleremo di questo tema nel prossimo articolo, pertanto vi invitiamo a rimanere connessi con noi.

Niente da fare dunque per le balle lanciate dagli oligarchi del tabacco che dovranno trovarsene un altra per cercare di rovinare un mercato che sta sempre più crescendo anche nel nostro paese.

Questo articolo sul mito dell’acqua nei polmoni svapando termina qui, se lo avete trovato interessante condividetelo con i vostri amici tramite i pulsanti social che trovate si seguito e lasciateci sapere la vostra opinione commentando qui in fondo, a presto e buona continuazione su Vaping Zoom.

Vaping Zoom, La Redazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi